Metafore per l'abilitazione e la capacitazione


La metafora è una figura retorica in cui la descrizione di un elemento viene estesa a un altro che si ritiene abbia certe caratteristiche in comune col primo, secondo un certo grado di identità. Essa esprime non la somiglianza degli oggetti ma quella delle strutture e dell'organizzazione, ricerca la comprensione mediante l'analogia e presuppone l'analisi del processo dell'evoluzione come analogo al processo del pensiero. Per questo la metafora è il linguaggio della natura.
La metafora è quindi una risorsa fondamentale per l’abilitazione perché rimanda alla base neurale dell’empatia: i neuroni specchio. Può quindi essere trattata come una via d'accesso al sistema neurale.
La metafora non spiega; evoca e allude. Scava nella complessità dell’ecologia umana aprendo buone prassi per l’abilitazione delle forme più deboli ma sempre promettenti del corpo-mente autistico.
L’agricura costituisce un ambiente vitale ad alto impatto empatico perché unisce utente e abilitatore in un intenso lavoro di capacitazione, attraverso i vegetali e gli animali.
Ogni metafora suggerisce delle operazioni pratiche che l’utente conduce,
accompagnato dalla sua guida, l’abilitatore.
Le 26 metafore:

1 Potatura
Deficit: resistenza al cambiamento.
Abilità: promuovere il concetto di trasformazione. Prepararsi all’imprevisto
Capacitazione: previsione (e programmazione) dello svolgimento della giornata
lavorativa (sul diario di lavoro).

2 Trapianto
Deficit: difficoltà a porre attenzione e finalizzare.
Abilità: potenziamento delle capacità produttive. Immaginarsi attivo
Capacitazione: individuare una scena lavorativa difficile e creare strategia per
affrontarla (sul diario di lavoro).

3 Compostaggio
Deficit: difficoltà a differenziare e classificare.
Abilità: promuovere il riconoscimento
Esercitarsi a classificare
Capacitazione: definizione scritta del proprio mansionario (sul diario di lavoro).

4 Semina
Deficit: difficoltà a pianificare e produrre.
Abilità: riconoscere causa effetto, sviluppare l’esperienza dello “riuscire”. Esercitarsi a
Pianificare.
Capacitazione: strutturare il timing del proprio mansionario (sul diario di lavoro)

5 Raccolta
Deficit: mancato senso di continuità ed efficacia.
Abilità: potenziamento competenze produttive, collaborazione ai compiti, incremento
senso di efficacia. Esercitarsi alla collaborazione
Capacitazione: discutere le mansioni nella propria equipe.

6 Vendita
Deficit: difficoltà socio-comunicativa, deficit relazionale.
Abilità: promuovere il rapporto di relazione e scambio. Esercitarsi al calcolo
Capacitazione: imparare a calcolare costi ricavi guadagni (sul diario di lavoro).

7 Cura degli attrezzi
Deficit: difficoltà a percepire i confini, eseguire richieste verbali.
Abilità: migliorare il bisogno del “prendersi cura”, del riconoscere. Esercitarsi all’ordine
Capacitazione: cura scrupolosa degli attrezzi e macchinari.

8 Cura delle piante. Virus, batteri, insetti

Deficit: difficoltà a porre attenzione, a collaborare.
Abilità: coordinare abilità visive con abilità motorie, potenziare il senso di autoefficacia.
Esercitarsi al coordinamento
Capacitazione: scegliere, ove possibile, collaborazioni paritarie.

9 Vivaio
Deficit: anomalie olfattive, difficoltà a differenziare e classificare.
Abilità: percepire e distinguere gli odori, i colori, le forme. Sviluppare abilità sensoriale
Capacitazione: attivazione dei cinque sensi durante lo svolgimento del mansionario
(riportare sul diario).

10 Bosco
Deficit: difficoltà a orientarsi, alterazioni comportamentali causa molteplicità di elementi.
Abilità: migliorare l’orientamento, l’attenzione, potenziare percezione dei confini.
Esercitarsi alla subordinazione
Capacitazione: correttezza, competenza, efficienza con il diretto responsabile.

11 Infestanti
Deficit: legato all’attenzione, riconoscimento dei pericoli
Abilità: promuovere senso di efficacia, esecuzione attenta di richieste verbali,
collaborazione. Esercitarsi al ragionamento
Capacitazione: esprimere al responsabile o ai pari o ai subordinati le proprie ragioni
(esposte sul diario).

12 L’agricoltura circolare e il cibo sostenibile
Deficit: difficoltà a riconoscere e valorizzare gli oggetti.
Abilità: sviluppare attenzione. Esercitarsi alla collaborazione
Capacitazione: vedere la propria responsabilità di concerto con gli altri

13 Irrigazione, biodiversità fertilità del terreno
Deficit: anomalie sensitive
Abilità: percezione stati della materia, sviluppare competenze. Esercitarsi al pensiero
creativo
Capacitazione: immaginare una mansione alternativa a quella stabilita e valutarla



14 Confezionamento
Deficit: difficoltà alla concentrazione e a finalizzare.
Abilità: incremento delle abilità visive con quelle manuali. Sviluppare il comportamento
efficace.
Capacitazione: imparare a misurare l’efficacia della mansione (sul diario).

15 Feste e fiere
Deficit: anomalie sensoriali
Abilità: riconoscere e gestire gli stimoli. Sviluppare il pensiero positivo.
Capacitazione: esercitarsi a individuare una possibilità in una situazione critica.

16 Sarchiare
Deficit: alterazioni comportamentali, iperattività
Abilità: riconoscere e gestire l’eccesso di energia, scaricare la tensione. Esercitarsi alla
fatica e alla resistenza.
Capacitazione: distribuire efficacemente le proprie risorse. Stabilire e misurare
traguardi.

17 Prevenzione delle malattie delle piante
Deficit: difficoltà a eseguire richieste verbali, ipotizzare, orientarsi.
Abilità: incrementare senso di autoefficacia. Sviluppare la comunicazione verbale.
Capacitazione: scrivere un contributo migliorativo del lavoro e comunicarlo.

18 Individuazione e cura delle malattie vegetali
Deficit: difficoltà a organizzare lavori in autonomia e efficaci.
Abilità: riconoscere, migliorare l’attenzione. Esercitarsi al ragionamento logico deduttivo.
Capacitazione: fare sul diario un’analisi logica dello svolgimento della propria mansione.

19 Cura del terreno
Deficit: anomalie sensoriali e di programmazione.
Abilità: coordinare abilità visive con abilità motorie, sviluppare l’esperienza del “riuscire”.
Sviluppare l’agire efficiente.
Capacitazione: imparare a misurare l’efficienza della mansione (sul diario).

20 Estetica del campo
Deficit: insufficiente senso di efficacia.
Abilità: incremento delle abilità produttive. Sviluppare l’attitudine estetica e la competenza
emozionale.
Capacitazione: individuare un contributo estetico al lavoro (sul diario).

21 Programmazione
Deficit: difficoltà socio-comunicative, gestione delle regole
Abilità: potenziare l’orientamento e la collaborazione, incrementando il senso di
autoefficacia. Esercitarsi all’attenzione.
Capacitazione: riportare sul diario massimo numero di particolari del lavoro.

22 Spiegazione della pratiche agricole
Deficit: difficoltà di esecuzione e attenzione.
Abilità: effettuare richieste verbali, migliorare il processo di imitazione. Esercitarsi a
prendersi cura degli altri.
Capacitazione: offrire un contributo migliorativo sul lavoro.

23 La sicurezza sul lavoro
Deficit: assumere responsabilità e programmare con efficacia.
Abilità: migliorare la percezione e l’autonomia personale. Esercitarsi a prendersi cura di
sé.
Capacitazione: costruire un piano di sicurezza della propria mansione.

24 Riciclo
Deficit: ipersensibilità; sentirsi minacciato e perseguitato dall’angoscia.
Abilità: esercizio della funzione riflessiva dell’intenzionalità oggettiva.
Capacitazione: costruire un piano di economia circolare agricola.

25 Ri-uso dell’acqua
Deficit: ridotta condivisione di interessi ed emozioni.
Abilità: affrontare la difficoltà di costruire una storia di vita.
Capacitazione: costruire un piano di raccolta e riuso delle acque per l’irrigazione o altro.

26 Reti digitali
Deficit: rappresentazione autistica come un presente eterno.
Abilità: esercizio della memoria.
Capacitazione: collaborare a costruire un piano di sicurezza della propria mansione.






Questa scheda  è stata redatta da: Domenico Cravero   in data  01/04/2022

 

ASG - Via Nizza 239, 10126 TORINO
C.F. 97528100015 - IBAN IT 70F0335901600100000135066 - Tel 3290982366
©2018 - All right reserved